Tiri Indiretti - 2 a mò di 3


Questo tiro, prima o poi, diventa un dilemma...
Me l'hanno spiegato bene ed é stato spiegato benissimo su considerevoli libri e forum, per cui, mi "limiterò" a cercare di esporre bene il concetto.

L'unica variazione, dall'insegnamento fornitomi, che mi sono permesso di apportare, riguarda la fase di Compensazione... vedremo, passo per passo, in cosa consiste.

Il fine ultimo é quello di riuscire a calcolare la traiettoria del Tiri Indiretti - 3 Sponde fra la seconda e la terza sponda.
A mio avviso l'analisi migliore la fece, tanti anni fà, P.Venerando.
Egli, avvalendosi degli studi dell'Ing. Mancini, insegnò e praticò anche la teoria delle porzioni in relazione alle posizioni delle palle ed alla direzione richiesta... fornendo punti di mira (per le 3 passate con la stecca) e considerazione dello scarto sugli effetti, ma questa é un'altra storia...
Tornando al "nostro caso", sarebbe stato interessante poter sfruttare la teoria dell'A50 (il più conosciuto e collaudato fra i sistemi), per poter determinare i valori di tali sponde.
L'A50 applicato al Tiri Indiretti - 3 Sponde, studiato "per bene", da risultati sorprendenti, a fronte di un calcolo semplice e veloce.

Come é noto, ormai, in linea teorica, l'Uscita=10 é ottenibile dalla Partenza=70 ed Attacco=60; o dalla Partenza=60 ed Attacco=50; o dalla Partenza=50 ed Attacco=40; o dalla Partenza=40 ed Attacco=30; ecc.
Da questi esempi si evince che un'Uscita ha diverse soluzioni di Partenza ed Attacco... e, nello specifico del nostro studio, é l'unico parametro costante, nel senso che, ovunque tocchi la seconda sponda (che é un pò il punto principale di tutta la questione), l'Uscita sarà sempre la stessa, cioé Partenza meno Attacco.
Quest'ultima considerazione ci fa capire che, nel caso si scelga questo tiro, e la Ricevente si trovi molto vicino alla terza sponda, diventa pressoché inutile eseguire la procedura (che dobbiamo ancora analizzare), e, guardando l'angolazione Partenza-Attacco, si può facilmente ricavare l'Uscita, a panno, utile.

Siccome, solitamente, questo tiro, é effettuato un pò più forte del tipico Tiri Indiretti - 3 Sponde, per il discorso affrontato quì, l'Effetto Orizzontale lo diminuisco proporzionalmente (all'aumentare della forza).

Per arrivare a poter stimare con precisione l'Uscita, come fosse un Tiri Indiretti - 3 Sponde, si ricorre ad uno "stratagemma"...
Bisogna premettere che, nella seconda sponda, la differenza fra il punto a panno ed il punto a legno, vista l'angolazione vicina ai 45°, é di 3 punti.
Nel Tiri Indiretti - 3 Sponde, tirato ad una certa velocità, con l'Effetto Orizzontale e l'Effetto Verticale stabilito, ogni Partenza ha ripercussioni sulla seconda sponda e sull'Uscita.
Però ogni Partenza ha un punto in cui la seconda sponda e l'Uscita hanno lo stesso valore (a panno, ed, aggiungendo i 3 punti, anche a legno).
Questi sono i casi in cui la Battente, fra la seconda sponda e l'Uscita, percorre una traiettoria perfettamente a 45°, nei confronti delle sponde in questione.

Bisognerebbe fare prima le prove, per ogni biliardo in cui si gioca, però si può ritenere, con arrotondamenti facilmente memorizzabili, che le Partenze, con le rispettive seconde sponde uguali alle Uscite siano:
Partenza 50 a legno => seconda sponda=Uscita=30 a panno (33 a legno)
Partenza 60 a legno => seconda sponda=Uscita=20 a panno (23 a legno)
Partenza 70 a legno => seconda sponda=Uscita=15 a panno (18 a legno)
Partenza 80 a legno => seconda sponda=Uscita=10 a panno (13 a legno)

Per capire la successiva compensazione, affronteremo tre casi con Uscita=10 e tre casi con Uscita=20... così prendiamo "confidenza" con il sistema.

.
.
.


PAGINA IN ALLESTIMENTO